Prendiamo un testo qualsiasi, diamogli profondità tramite l’asse z (pertanto abilitiamo il 3D sul livello testo).

Quello che vogliamo fare è proiettare un’ombra su un background 2D, cosa che After Effects effettua solo quando tutti i livelli interessati hanno la terza dimensione abilitata.

Ed ecco che entrano in gioco gli shadow catchers.

Vediamo il procedimento in linee generali.

Posizioniamo il nostro background 2D sulla composizione e tracciamo la videocamera 3D (tasto destro e traccia videocamera).

shadow catchers

Creiamo il nostro testo 3D (tasto destro sulla selezione e click su crea testo e videocamera) agganciandolo ad una selezione dei punti appena tracciati. Riposizioniamolo e orientamolo come desideriamo.

shadow catchers
shadow catchers

E ora inseriamo lo shadow catcher che altro non è che un livello aggiuntivo creato sempre tramite i punti tracciati dalla videocamera 3D. Pertanto selezioniamo il nostro tracciato di punti e clicchiamo sul tasto destro e crea superficie per ombra, videocamera e luce.

shadow catchers

Verranno inseriti nella composizione due nuovi elementi, una luce riflettore 3D e come scritto sopra un livello tinta unita sempre in 3D (chiamato acquisizione ombre o shadow catcher) che ha la caratteristica di visualizzare solo le ombre generate (in questo caso dalla luce riflettore).

shadow catchers

Il prossimo passo è delimitare il perimetro del livello tinta unita all’area del background sulla quale vogliamo proiettare l’ombra.

E’ sufficiente agire sui parametri di trasformazione del livello tinta unita. 

shadow catchers

Modificando i parametri della luce riflettore (posizione, intensità, colore ,etc..) possiamo personalizzare a piacimento l’effetto dell’ombra sul background.

shadow catchers
shadow catchers

Gli shadows catchers sono, come abbiamo appena visto, un semplice trucco realizzato tramite un foglio (tinta unita 3D) opportunamente croppato che inserisce ombre su un background 2D (che nativamente ombre non ne può ricevere). E come trucco va trattato: va controllato adeguatamente tutto il background per capire dove possono posizionarsi le ombre. E per evitare artefatti visivi, per ognuna di queste aree va creato lo shadow catcher opportuno.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: