Dopo aver visto come gestire la tridimensionalità di semplici livelli vettoriali sfruttando il motore di render Cinema 4D vediamo ora come cambiare il modo di visualizzare l’oggetto 3D passando da una visione prospettica ad una visione isometrica, nella quale le trasformazioni (quali ad esempio la rotazione e la traslazione nella spazio) mantengono inalterate le distanze relative. In pratica perdendo la prospettiva.

I movimenti isometrici possono essere molto utili per diverse animazioni e infografiche.

Partiamo da un’ellisse disegnata con un livello forma. Quindi fissiamo il punto di ancoraggio al centro del livello.

Creiamo ora un anello duplicando l’ellisse all’interno del livello forma (ctrl/cmd+D) e modificando la scala. Per bucare la parte centrale non utilizziamo un metodo di fusione (che non è supportato dal motore di render Cinema 4D) ma inseriamo la proprietà unisci tracciati (merge path) dei livelli forma settando il modo sottrai.

Abilitiamo il 3D sul livello forma e settiamo Cinema 4D come motore di render.

Sfruttiamo una caratteristica del nuovo motore di render andando in opzioni geometria del livello forma e aumentando la profondità di estrusione.

Ora creiamo una camera 3D con una focale corta, ad esempio 20mm. Con lo strumento rotazione camera modifichiamo l’angolazione in modo da visualizzare l’estrusione. Come possiamo notare è piuttosto l‘effetto prospettico.

Se vogliamo abbattere la prospettiva è sufficiente modificare la focale della camera. Ad esempio la aumentiamo al massimo impostandola su un 200mm. E quindi con lo zoom sull’asse z della camera stessa ci allontaniamo dall’oggetto.

Abbiamo ottenuto un anello che mantiene ancora le sue caratteristiche geometriche (senza o quasi effetti prospettici). Prima di animarlo a piacimento rendiamolo solo più gradevole aggiungendo un po’ di illuminazione. Inseriamo innanzitutto una luce direzionale in modo da dare profondità all’oggetto. Pertanto creiamo una luce parallela, abilitando la generazione di ombre e impostando opportunamente intensità e direzionalità.

Infine se vogliamo possiamo illuminare meglio tutta la composizione aggiungendo una leggera luce ambiente.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: