Per un’animazione corretta di un personaggio occorre partire dalla sua costruzione.

Prenderemo in esame un personaggio “umano”. Per animali e personaggi di fantasia le regole possono essere differenti in funzione della tipologia di animazione che si vuole effettuare.

Vogliamo costruire un personaggio in modo da poterlo animare nei suoi movimenti principali.

duik costruzione

Partiamo dalle braccia. Siccome il nostro obiettivo è quello di ottenere un movimento più o meno realistico, scomponiamo il nostro personaggio in tre livelli: parte superiore, avambraccio e mano. Quindi li leghiamo in parentela.

duik costruzione
duik costruzione

Dobbiamo solo fare attenzione al posizionamento corretto dei punti di ancoraggio che andranno fissati nelle articolazioni del braccio (gomito, spalla e polso).

duik costruzione

Stessa cosa facciamo con l’altro braccio, con gli arti inferiori e con tutte le altre parti del corpo che intendiamo animare.

Possiamo però utilizzare un secondo metodo nel quale non abbiamo una separazione dettagliata tra i livelli ma solo una divisione approssimata, ad esempio:

    Duik costruzione

    In questo caso faremo ricorso allo strumento marionetta per fissare i perni di movimento (ad esempio sulle articolazioni del braccio).

    duik costruzione

    Con questo metodo avremo dei movimenti con deformazione sui perni a differenza del metodo precedente dove si creano dei veri e propri movimenti angolari.

    duik costruzione

    Quale dei due è il sistema migliore?

    Proviamo a pensare di combinarli in modo da sfrutturne i pregi di entrambi: possiamo ad esempio unire tutti gli elementi della testa in una precomposizione in modo da controllare con quest’ultima le deformazioni facciali mentre con i livelli inseriti all’interno della precomposizione possiamo gestire i movimenti dei singoli elementi (occhi, bocca, etc..).

    duik costruzione
    duik costruzione
    duik costruzione
    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: