All’interno della categoria degli effetti di Disturbo e granulosità ne troviamo uno del tutto particolare: Disturbo Alfa (Noise Alpha).

Il suo compito è quello di introdurre rumore sul canale che gestisce le informazioni sulla trasparenza (canale alfa).

Analizziamone insieme il funzionamento e soprattutto le sue possibili applicazioni.

Partiamo da una composizione nella quale abbiamo inserito un livello (nel nostro caso una semplice immagine jpeg).

 

noise alpha effect

Siccome non abbiamo aree di trasparenza (il jpeg non le supporta) la visualizzazione del canale alfa è completamente bianca (opacità 100%).

 

noise alpha effect

Applichiamo l’effetto Disturbo Alfa all’immagine. Con le impostazioni di default non noteremo alcun cambiamento nell’immagine.

 

noise alpha effect

Alziamo la Quantità al 60%. Possiamo notare che del semplice rumore viene inserito all’interno di tutta l’immagine. Apparentemente niente di nuovo rispetto al classico effetto “Disturbo”.

    noise alpha effect

    Ma, a differenza di quest’ultimo ciò che viene intaccato dal rumore è solamente il canale alfa. Sono le informazioni di trasparenza che vengono “disturbate”.

     

    noise alpha effect

    Modificando il canale alfa otteremo ad esempio una fusione con un eventuale livello posto sotto la nostra immagine.

    Ad esempio potremmo aggiungere uno sfondo (nel nostro caso verde) ed ottenere un noise con un look tendente al verde.

     

    noise alpha effect

    Giocando col parametro Quantità di Disturbo Alfa possiamo accentuare o diminuire il rumore presente sul canale alfa e pertanto l’effetto di fusione con i livelli sottostanti risulterà più o meno enfatizzato.

     

    Vediamo i possibili settaggi. Partiamo dalla scelta del tipo di Disturbo.

    Abbiamo due sezioni. La prima ci chiede di scegliere la tipologia di “casualità” nella generazione del rumore:

    1) Casuale uniforme (impostazione di default): genera un rumore equamente distribuito tra bianchi e neri. E’ l’impostazione più adatta ad immagini che presentano contrasti molto accentuati (come l’immagine che abbiamo utilizzato come esempio).

    1) Casuale quadrato: genera un rumore ad elevato contrasto. Ideale per immagini più morbide, con contrasti meno accentuati.

     

    noise alpha effect

    Indipendentemente dalla scelta (casuale uniforme o casuale quadrato) per animare il rumore dovremo inserire almeno due keyframes sul parametro Numero casuale (Random Seed). Ad ogni frame verrà generato un nuovo profilo di rumore.

     

    Le seconda sezione permette di settare la tipologia di un’eventuale animazione del rumore con controllo di fase.  Anche in questo caso la scelta tra Animazione casuale (uniforme) o quadrata determina il livello di contrasto del rumore (alto contrasto nel caso di Animazione quadrata).

     

    noise alpha effect

    Questa volta l’animazione andrà effettuata inserendo keyframes  sul parametro Fase Disturbo. L’animazione risulterà più morbida rispetto all’utilizzo di Numero casuale (caso precedente). Siccome i calcoli sono più complessi rispetto ad un semplice random, i tempi per la generazione dell’anteprima saranno in genere più lunghi.

     

    Se vogliamo realizzare un’animazione senza soluzione di continuità, dove il primo frame coincide con l’ultimo in modo da creare dei loop, andiamo ad accendere il flag Disturbo ciclo. Dovremo poi settare Ciclo (nelle rivoluzioni) ad un valore pari (o sottomultiplo) del numero di giri di fase impostati sull’ultimo keyframe di Fase disturbo (nel nostro caso impostiamo il valore 5 in quanto nell’animazione abbiamo fatto compiere 5 giri di fase).

     

    noise alpha effect

    Diamo un’occhiata infine, per completare questa panoramica, agli ultimi due settaggi rimasti.

    Alfa originale determina il modo con cui l’effetto agisce sul canale alfa.

     

    noise alpha effect

    In particolare:

    Aggiungi (Add): produce la stessa quantità di rumore sia nelle aree trasparenti sia in quelle opache (quindi massima uniformità).

    Blocca (Clamp): (impostazione di default): produce rumore solo nelle aree opache (nel nostro caso Blocca equivale ad Aggiungi perché l’immagine non ha pixels trasparenti).

    Scala (Scale): è simile a Blocca solo che viene ridotta l’opacità del livello (aumenta la percentuale di trasparenza). In questo caso la visibilità dei livelli sottostanti (nel nostro caso il background verde) sarà più evidente.

    Bordi (Edges): genera rumore solo sulle aree di semitrasparenza (trascurando tutte le zone opache o totalmente trasparenti).

    Infine con l’ultimo settaggio, Overflow, si imposta il metodo con il quale l’effetto rimappa tutti i pixels che escono dalla scala di grigi 0-255 (questo perché l’effetto Disturbo Alfa lavora su 8 bit).

     

    noise alpha effect

    Taglia (Clip): mette a 0 tutti i pixel sotto lo zero e a 255 tutti i pixel con valore superiore a 255. In pratica taglia tutte le informazioni sopra e sotto la scale 0-255.

    Valore max. (Wrap Back) (impostazione di default): si recuperano le informazioni in eccedenza per riflessione. I valori sopra il 255 vengono riportati per simmetria ad un valore sotto il 255 (ad esempio 260 equivale a 255+5 pertanto viene rimappato a 255-5=250). Stessa cosa avviene per i valori sotto lo zero. Questa impostazione è quella consigliata in quanto genera rumore in maniera coerente e simmetrica su tutti i pixels.

    Reimposta (Wrap): in questo caso si riporta tutto dentro la scala 0-255 per il valore relativo dello scostamento. Ad esempio: il valore -6 (scostamento -6) verrà rimappato a circa 255-6=249, il valore 259 (scostamento +4) verrà rimappato a circa 0+4=4).

     

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: