Le maschere hanno proprietà uniche: dalla gestione delle sfumature fino alle interessanti possibilità generate dalle animazioni dei tracciati e dell’espansione delle stesse.

Spesso ci capita di lavorare su livelli vettoriali (.ai). Se volessimo ricrearne le forme tramite maschere, per utilizzarne le proprietà, in teoria dovremmo scontornare con lo strumento penna le singole figure presenti nel livello. Un lavoro di precisione e non sempre velocissimo.

Il modo sicuramente più rapido è quello di utilizzare una funzione di tracciamento automatico presente tra le opzioni di livello di After Effects. 

Selezioniamo il livello interessato, andiamo nel menu Livello e clicchiamo su Traccia automatica.

Si aprirà un pannello dove come prima impostazione dovremo decidere se lavorare sul fotogramma corrente (traccia statica) oppure sull’area di lavoro (traccia dinamica). In quest’ultimo caso, se è presente un’animazione all’interno del livello, la traccia seguirà il movimento.

Noi, non avendo nessuna animazione attiva, scegliamo fotogramma corrente.

Nella sezione Opzioni possiamo decidere su quale proprietà basare l’analisi per la creazione delle maschere: se controllare l’opacità, oppure la luminanza, oppure i singoli canali colore.

Nel nostro esempio è sufficiente un’analisi dell’opacità. Quindi scegliamo Canale alfa.

Le successive impostazioni permettono di definire al meglio il ritaglio delle maschere.

In particolare Sfocatura (enfatizzata dall’aumento del numero dei pixel prima di traccia automatica) elimina tutti i piccoli dettagli e ammordisce i contorni della maschera. Usiamola quando abbiamo dei bordi colmi di dettagli che non vogliamo gestire.

Aumentiamo la Tolleranza se desideriamo non essere troppo rigidi nella definizione dei contorni permettendo alla traccia automatica di deviare fino al numero di pixel specificati.

L’Area minima è la dimensione dell’unità elementare della proprietà esaminata (es: opacità) sottoposta a tracciamento. Se abbiamo un’area di 10px, tutti i cambiamenti di opacità che avvengono in un’area inferiore ai 10px non vengono considerati. Valori elevati significa ottenere una traccia più approssimata. Valori bassi, una traccia più dettagliata.

La Soglia è molto importante e definisce pixel per pixel per quale percentuale della proprietà il pixel stesso è da considerarsi parte della maschera (nell’impostazione in figura tutti i pixel che hanno opacità inferiori al 50% sono fuori mascheratura).

La Rotondità angolo determina l’entità della curvatura dei singoli vertici del tracciato maschera.

Applica al nuovo livello (attivato in automatico in caso di rasterizzazione continua) crea un nuovo livello tinta unita e su questo verranno applicate le maschere tracciate da Traccia automatica.

Clicchiamo ok ed osserviamo il risultato.

Cambiamo il colore del livello tinta unita (in modo da ricreare la situazione originale) e spegniamo il livello tree.

Ora possiamo utilizzare le proprietà desiderate delle maschere oppure effetti che fanno uso di tracciati maschera. Ad esempio possiamo utilizzare l’effetto “Scarabocchio” per animare il tratto dell’albero (inserendo keyframes da 0 a 100 sul parametro Fine).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: