Inziiamo il nostro percorso con questo primo tutorial dedicato a Duik, uno dei tool più conosciuti per il rigging (struttura e controllo movimenti) e animazione di personaggi (marionette).

E il bello di questo tool è che è completamente gratuito!

Questa serie di tutorials (a cadenza circa settimanale) partirà dalle basi e seguirà passo dopo passo il workflow di rigging e animazione su Duik e pertanto sarà adatta anche a coloro che hanno solo conoscenze elementari su After Effects. 

Al momento in cui scriviamo è disponibile la versione Duik 15 e su questa inizieremo a lavorare. 

Per capire in linea di massima le potenzialità di Duik date un’occhiata a questo video:

Vediamo innanzitutto come installare Duik.

Chiudiamo After Effects e andiamo a questo link.

Ci troveremo nel sito di Rainbox dove possiamo scaricare la versione di Duik corrispondente al nostro sistema (Win o Mac).

Lanciamo l’installazione.

duik

Al termine di tutta la procedura apriamo After Effects. 

Come prima cosa, siccome Duik utilizza uno script, andiamo ad abilitare la scrittura dei file da parte degli scripts. Andiamo in preferenze/generali e facciamo il check su “consenti agli script di scrivere i file e accedere alla rete“.

duik

Chiudiamo e riapriamo After Effects in modo da ricaricare le preferenze e abilitare quindi la modifica effettuata.

Ora, siccome Duik, come abbiamo detto, è rappresentato da uno script, per aprirlo, andiamo sulla barra dei menu, selezioniamo Finestra e clicchiamo su Duik.jsx (per informazioni sugli script andate a questo articolo).

duik

Si aprirà il pannello di interfaccia di Duik:

duik

Andiamo a sistemare le impostazioni (settings) all’interno del pannello di Duik cliccando sul simbolo della chiave inglese in altro a destra.

duik

La prima scheda che ci troviamo di fronte è quella General.

duik

Qui possiamo selezionare la lingua (attenzione non c’è l’italiano), la tipologia di selettore (io mi trovo bene con quello a pulsanti) e la modalità expert (nella quale verranno eliminati tutti i testi di accompagnamento ai pulsanti in modo di risparmiare spazio sull’interfaccia).

Altra scheda è quella relativa al Rigging.

duik

In questo caso non cambierei nulla nelle impostazioni di default. Eventualmente ci torneremo sopra in uno dei prossimi articoli.

Passiamo alla terza e ultima scheda: Animazione.

duik

Per quanto riguarda le interpolazioni, gli interactive update permettono di visualizzare i cambiamenti in tempo reale ma creano su After Effects moltissime operazioni che intasano la cronologia e rendono problematico il ritorno ad un punto precedente.

Lasciamo pertante “use sliders“,

duik

che permette anche una maggiore flessibilità rispetto a “use buttons”

duik

Lasciamo l’impostazione di default su “use layer names” per quanto riguarda il copia/incolla delle animazioni (indica il metodo per determinare dove verranno inserite).

duik

All’interno delle impostazioni, in alto a sinistra troviamo altre due icone.

duik

La prima apre un block notes in cui inserire tutte le info che vogliamo (possono riaperte sulla medesima installazione di After Effects in quanto sono indipendenti dal progetto).

duik

La seconda icona apre una vera e propria calcolatrice.

duik

Utile per effettuare calcoli di parametri di animazione durante l’utilizzo di Duik.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: